Biografia

Rosy Losito nasce nel 1969 a Bari. Sin dalla prima infanzia mostra una spiccata attrattiva per il disegno e ama realizzare costruzioni utilizzando oggetti reperiti per caso.  Su consiglio dei docenti s’iscrive al Liceo Artistico e nel 2000 si laurea in Beni Culturali. Partecipa in qualità di disegnatrice agli scavi archeologici nell’insediamento neolitico di Polignano a Mare, in provincia di Bari. A contatto con la civiltà e l’arte arcaica sviluppa un interesse per le forme artistiche primitive, che studia ricercando gesti, linee e segni e realizzando una scrittura astratta ottenuta facendo scorrere uno strumento di legno su un piano di colore bagnato. In questo periodo si volge in direzione di un’arte materica, utilizza reti metalliche, iuta, dipinge tenendo sempre presente un’attenta ricerca sui materiali e avvalendosi di toni caldi legati alla campagna barese, alla sua terra d’origine ora lontana (nel frattempo l’artista si è trasferita a Latina) ma legata alla sua vita e al suo passato. Dopo anni in cui la sua pittura è orientata verso simboli e segni arcaici, alla ricerca di un linguaggio personale, di qualcosa in cui identificarsi, crea lo sgrif, una sorta di scrittura automatica fatta di segni veloci, che a tutt’oggi costituisce una firma dell’artista, sviluppo dell’utilizzo dello strumento di legno sul colore bagnato. Inizia ad abbandonare i materiali per sperimentare sulle tele, passa dall’olio all’acrilico assecondando un bisogno di freschezza e immediatezza, una volontà di lasciarsi alle spalle il passato a favore di una maggiore spontaneità nella pennellata e di tonalità più vivaci e contrastanti: è il periodo di Indizi, con la creazione di una lavagna magnetica su cui vengono apposte delle piccole tele dipinte. Parti frammentate da spostare e ricostruire all’infinito che attendono l’elemento che le leghi tutti in un insieme come degli appunti di percorso. Il ciclo non si ferma alla lavagna magnetica, ma prosegue con tele più o meno grandi in cui l’artista unisce l’amore per la tecnica a un particolare periodo della propria vita e vuole prendere nota della novità e della velocità dell’acrilico, con cromie calde e fredde che si alternano nella pennellata gestuale. Nel frattempo la sperimentazione con i materiali non si arresta ma continua nelle installazioni, dove reti metalliche racchiudono fogli di carta da lucido, racconti che si sviluppano dentro un involucro chiuso ma che lascia spazio a un dialogo con il mondo circostante, grazie ai fori presenti nelle reti.  La naturale evoluzione di Indizi si ha nella serie Segno riflesso: dai frammenti che si riflettono l’uno nell’altro ora è il segno stesso a guardarsi, a specchiarsi in carte libere all’interno di cornici aperte, in cui i fogli in carta poliestere sono fluttuanti, aperti, e, nella loro trasparenza, richiamano l’acqua. Con il racconto che si svolge all’interno di un unico foglio, il Segno riflesso rappresenta una liberazione, una leggerezza libera dalle catene, dalle barriere e dai filtri simboleggiati dalle gabbie in cui nelle installazioni sono racchiusi i fogli. L’artista si distingue anche come performer, da sola e in collaborazione con altri artisti grazie alle sinestesie che nascono spontanee e che come libere associazioni collegano il segno al colore, al gesto pittorico, ai movimenti del corpo e al suono. Attualmente la ricerca artistica di Rosy Losito, con la serie Mutevoli Confini, si muove verso un linguaggio più figurativo che non dimentica, anzi avvalora l’astrazione; un neosurrealismo astratto incentrato sulla rappresentazione di immagini interiori L’artista vive e lavora a Latina.

                                          Laura Cianfarani

Esposizioni

2004

“XI Rassegna Segni e Forme” - Museo Emilio Greco – Sabaudia (LT)

Collettiva “Sulle orme dell’arte” - Museo Piana delle Orme – (LT)

Personale "Il Segno” - Torre Pelosa - Torre a Mare (BA)

2005

Prima classificata al VI° Concorso Internazionale "Donna Chi Sei?" - Palazzo dei Convegni - Jesi (AN)

Collettiva "Le Espressioni dell'Arte" - Galleria "Il Collezionista" – (Roma)

Personale "Metamorphosi" - Palazzo Tanzarella - Ostuni (BR)

2006

Collettiva "World Wide Artists Gallery " – (Roma)

Collettiva “Arte Vasto” -Palazzo Mattioli- Vasto(CH)

Collettiva "10 Artisti a Confronto" - Galleria Pentart - (Roma)

Premio “Dea Alata 2006”-Palazzo San Gallo- (Firenze)

Collettiva “Arte Contemporanea “- Galleria Centro Storico – (Firenze)

2007

Premio “Open Art 2007”- Sale del Bramante- (Roma)

2008

Rassegna “ES L’Autoritratto Psicologico tra Realta’ e Metafora” Spazioeventi Mondadori San Marco - (Venezia)

"Premio Freud"-Palazzo Comunale - Lavarone (Trento)

Collettiva "Quo vadis art?"- Spazio Etoile - (Roma)

2009

Personale “ La Porta Rossa” – Torre Civica - Cisternino - (BR)

2010

Collettiva“78 Atisti x 78 Anni” Garage Ruspi - (LT)

2011

“Florence Biennale” Fortezza Da Basso - (Firenze)

2012

Personale all’interno della rassegna ” EnoArte”- Hotel Europa – (LT)

Collettiva “MadDonna” – Museo Emilio Greco - Sabaudia – (LT)

Rassegna "Lievito"- (LT)

2013

Collettiva “ I love you” – Laranarossagallery - (LT)

Collettiva “MadDonna” – Museo Emilio Greco - Sabaudia - (LT)

Collettiva “ Woman” – Laranarossagallery - (LT)

Rassegna "Lievito" Palazzo M - (LT)

Personale “Dalla Forma allo Sgrif” - Galleria Federlazio - Latina

2014

Collettiva “ Nel nome della madre” – Il Mitreo Arte Contemporanea - (Roma)

Collettiva “Odissea Contemporanea” – Torre dei Templari – San Felice Circeo - (LT)

Giornata mondiale Aids “Intervento artistico “ Centro di riferimento malatie infettive – (LT)

Personale “ Sgrif Art” Centro Direzionale Ospedale Santa Maria Goretti - (LT)

2015

Personale “ Neosurrealismo Astratto o Astrazione Concreta? ” – MdLab Rccolta Manzù – Ardea (Roma)

“I Giardini di Sgrif” Installazione site specific- Museo Cambellotti – (LT)

Collettiva Mad Donna 2015 - Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporane- (LT)

Rassegna Lievito- Palazzo M – (LT)

Collettiva “Odissea Contemporanea” – Museo Archeologico- Norma (LT)

2016

Personale “ La Porta Rossa ” – Auditorium Roffredo Caetani, Conservatorio di (LT)

Collettiva “Non solo Venere non solo madre” – Fondazione Marcello Zei – San Felice Circeo (LT)

Performance “Indizi” per “Odissea Winter” – MADXI Museo di Arte Contemporanea – (LT)

2017

Personale “ Trasmutazioni ” – Forte Sangallo , Nettuno (Roma)

Collettiva “Art-Diplomacy” – ArtBaza Gallery – Sergiev Posad - (Russia)

Collettiva “Art-Diplomacy” – Consorzio per lo Sviluppo Industriale Roma Latina – (LT)

2018

Personale “ Il Segno Riflesso ” – Sala Capitolare Abbazia di Valvisciolo , Sermoneta - (LT)

Personale “Segni e Sgrif su Carta” – Rassegna MadOnPaper – La Feltrinelli - (LT)

Collettiva “Il Silenzio dell’Inchiostro: il libro d’artista in mostra” - Museo delle Scritture A. Manuzio Bassiano – (LT)

2019

Tripersonale MAD DONNA 2019 - Museo Emilio Greco - Sabaudia (LT)

Performance “NIDO” GATE11 ( Rosy Losito & Paola Repele) MAD DONNA 2019 Museo Emilio Greco - Sabaudia (LT)

Performance “NIDO” GATE11 ( Rosy Losito & Paola Repele) per il Maggio Sermonetano

Performance “NIDO” GATE11 ( Rosy Losito & Paola Repele)- Museo delle Scritture Aldo Manuzio - Bassiano

Presentazione del gioiello d'artista Nido, realizzato da Rosy Losito e Antonio Fontana - Museo delle Scritture Aldo Manuzio - Bassiano

2020

Collettiva Odissea Contemporanea - San Michele Arcangelo - -Sermoneta

Collettiva “8small”LaranarossaGALLERY Modena

2021

Personale “Big•Mad”* with Contemporary Art, Beneacquista assicurazioni* Latina

Collettiva Human Rights?@ Work Rassegna d'arte, a cura di Roberto Ronca,FONDAZIONE CAMPANA DEI CADUTI – ROVERETO (TN

Personale "Mutevoli confini" a cura di Laura Cianfarani e Vincenzo Scozzarella, Temporary art Civico 12 Latina